Tre nuove Mazda, tre nuovi premi. Il Costruttore Giapponese  porterà a casa riconoscimenti assegnati dal Red Dot Award per la nuova Mazda MX-5, per Mazda CX-3 e per  Mazda2. La cerimonia di premiazione dedicata al Design 2015 si svolgerà in giugno.

La quarta generazione della iconica roadster ha vinto il premio “Red Dot: Best ocx-3_reddot_design_screenf the Best”, il più alto riconoscimento di tutto il concorso, conferito eccezionalmente per questa edizione per le linee di design eccezionalmente innovative. Il CX-3, il primo piccolo SUV Mazda, è stato scelto per un premio “Red Dot” assegnato alla straordinaria qualità del design nel suo complesso. Infine, la nuova Mazda2 riceve una “Honourable Mention”.  Molti gli aspetti presi in considerazione dalla Giuria del Red Dot: si va dall’innovazione nel design alla funzionalità, all’ergonomia ed alla compatibilità ambientale.



mazda2_reddot_hm_new_screenI tre nuovi modelli Mazda seguono quindi il percorso dei precedenti di nuova generazione. Tutti si sono aggiudicati premi in riconoscimento del design esterno KODO – Soul Motion che li accomuna, tra cui ben 5 riconoscimenti Red Dot per altrettanti modelli Mazda. Linee e forme KODO rappresentano l’energia repressa e la natura atletica di tutti i modelli Mazda. Il concetto affonda le sue radici nella lunga storia di Mazda nell’automobilismo sportivo, rappresentato forse al suo meglio nella MX-5.

Oggi, con la quarta generazione, la roadster più venduta al mondo si veste di un distintivo design in pieno dinamico stile KODO. Anche CX-3 e Mazda2 sono state premiate nelle due categorie, rispettivamente “SUV compatti” e “segmento B”.

kevin1_screenIl riconoscimento da parte di Red Dot è una testimonianza della flessibilità KODO e della libertà artistca che ci consente”, ha detto Kevin Rice, Design Director di Mazda in Europa. “KODO cattura quell particolare momento di energia trattenuta prima che un atleta o un animale entri in azione. Un modo di controllare l’energia visuale è quello di “comprimerla” e “rilasciarla” come se si muovesse lungo la carrozzeria dell’auto, ed è proprio quello che abbiamo fatto con la nuova MX-5. La nuova CX-3 si avvale di un diverso approccio artistico che mescola i due principali volumi della vettura, creando in questo modo una sensazione di energia. Mazda2 è ancora diversa, a dimostrazione di come KODO sia in grado di aiutarci a regalare ad ogni modello il suo carattere individuale”.

Redazione MotoriNoLimits